Partecipare alla lotta contro il terrorismo in Mozambico contribuisce anche alla sicurezza in Europa

 

Blog dell'AR/VP - La scorsa settimana mi trovavo in Mozambico, dove il sostegno dell'UE gioca un ruolo significativo — il paese ne è infatti uno dei maggiori beneficiari, oltre a ospitare una delle missioni militari di formazione dell'UE. L'obiettivo della mia visita era dimostrare che l'UE non dimentica le crisi in altre parti del globo, malgrado stia affrontando, con la guerra di aggressione contro l'Ucraina, la peggiore minaccia per la sicurezza europea dalla fine della seconda guerra mondiale. La lotta del Mozambico contro il terrorismo è una delle crisi di sicurezza che contribuiamo ad affrontare ricorrendo a tutti gli strumenti dell'UE.

 

"L'UE non dimentica le crisi in altre parti del globo, malgrado stia affrontando la peggiore minaccia per la sicurezza europea dalla fine della seconda guerra mondiale."

In Europa la nostra attenzione è concentrata sull'aggressione della Russia nei confronti dell'Ucraina e sulle sue implicazioni per la sicurezza europea. Ma le altre crisi e i problemi mondiali non si fermano. Al contrario, sono spesso aggravati dalle conseguenze di questa guerra. Più che mai dobbiamo continuare a collaborare con i nostri partner in tutto il mondo per difendere l'ordine basato su regole e proseguire i lavori in merito alle sfide globali. E da questo punto di vista lo stretto partenariato dell'UE con l'Africa è fondamentale.

Mozambico - il terrorismo a Cabo Delgado

È questo il contesto in cui si è svolta la mia visita di due giorni in Mozambico, un paese costiero dell'Africa meridionale con una superficie maggiore di qualsiasi paese dell'UE e una popolazione di circa 30 milioni di persone. Data la rapita crescita demografica che registra (ogni donna ha in media 6 figli), si prevede che la popolazione raddoppierà entro il 2050 (e già oggi quasi la metà della popolazione ha meno di 14 anni). Il Mozambico è al 181º posto su 189 nell'indice di sviluppo umano e presenta un tasso di povertà superiore al 60%. Dopo aver ottenuto l'indipendenza dal Portogallo nel 1975, ha vissuto una lunga guerra civile conclusasi nel 1992, ma solo nel 2019 è stato raggiunto un accordo di pace e riconciliazione "definitivo". La mia predecessora Federica Mogherini si era recata a Maputo per assistere alla firma di questo accordo storico, che l'UE ha sostenuto in maniera significativa.

Anche se l'accordo è valido per la maggior parte del paese, dal 2017 la provincia settentrionale di Cabo Delgado è colpita da attacchi armati, che hanno provocato una crisi umanitaria e di sicurezza senza precedenti. I combattimenti hanno causato in questa regione oltre 4 000 morti, circa 950 000 sfollati interni e 1,5 milioni di persone bisognose di assistenza umanitaria. L'insurrezione è ispirata e fomentata dall'ISIS ma svolgono un ruolo significativo anche rimostranze locali e cause profonde a livello nazionale. Sono coinvolti combattenti stranieri, il cui trasferimento a Cabo Delgado comporta rischi per i paesi vicini. A causa dell'instabilità che ho descritto, la regione è divenuta un centro nevralgico della criminalità organizzata (ad esempio, traffico di eroina, di specie selvatiche, di legname e di pietre preziose) in Mozambico e nell'intera regione dell'Africa meridionale.

A seguito dell'istituzione di una missione di formazione dell'UE e dell'invio a Cabo Delgado di truppe ruandesi e della Comunità per lo sviluppo dell'Africa australe (SADC) nel 2021 a sostegno degli sforzi dell'esercito mozambicano, questi gruppi armati hanno temporaneamente perso l'iniziativa. Nella provincia hanno tuttavia continuato a verificarsi incidenti di sicurezza dovuti alla loro dispersione e al cambiamento delle loro tattiche.

Missione di formazione dell'UE

La missione EUTM Mozambico, avviata nel novembre 2021, è un elemento fondamentale nell'impegno dell'UE ad aiutare il Mozambico nella lotta contro il terrorismo. Nel corso dei prossimi due anni formerà 11 unità dell'esercito mozambicano (truppe speciali e marina militare) che faranno parte di una futura forza di reazione rapida. Oltre alla formazione militare, l'EUTM offre anche formazione sui diritti umani e sul diritto internazionale umanitario, in cooperazione con il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) e le organizzazioni delle Nazioni Unite competenti in materia. Al momento dieci Stati membri dell'UE partecipano alla missione con un numero di militari inviati pari a 110. La missione, che ha già formato 600 militari, è ora pienamente operativa. Nel corso del mio soggiorno in Mozambico ho visitato la missione per consegnare le attrezzature acquistate grazie al finanziamento dello strumento europeo per la pace (EPF) e ho assistito al cambio del comando.

In tutto ciò, collaboriamo strettamente con la missione della Comunità per lo sviluppo dell'Africa australe in Mozambico (SAMIM) e durante la mia visita ho annunciato la decisione dell'UE di fornire a tale missione 15 milioni di EUR, oltre agli 89 milioni di EUR di sostegno dell'EPF. È la prima volta in assoluto che, oltre a formazione, forniamo contestualmente anche attrezzature. Nelle prossime settimane spero che i nostri Stati membri accetteranno anche la mia proposta di sostenere la missione militare ruandese, il cui ruolo è stato essenziale nel migliorare la situazione a Cabo Delgado.

Vincere la guerra e la pace

Ma sappiamo bene che è impossibile vincere una guerra contro il terrorismo solo con militari e armi. Per vincere questo tipo di guerra, bisogna vincere anche la pace. È per questo che collaboriamo strettamente con il governo del Mozambico per coprire l'intera gamma di azioni umanitarie, di sviluppo, di sicurezza e di costruzione della pace. Parallelamente al sostegno che offriamo in materia di sicurezza, focalizziamo la nostra attenzione sull'istruzione, l'accesso all'acqua e ai servizi igienico-sanitari, l'energia, l'alimentazione e i cambiamenti climatici. Ciò comprende un pacchetto di 428 milioni di EUR per il periodo 2021-2024, oltre ai circa 36 milioni di EUR di assistenza umanitaria (destinata principalmente a Cabo Delgado dal 2021).

Alcuni giornalisti in Mozambico mi hanno chiesto se il nostro sostegno alla lotta contro il terrorismo a Cabo Delgado sia legato alle riserve di gas nella regione. La mia risposta è stata chiara: le scoperte di giacimenti di gas in Mozambico dovrebbero andare in primo luogo e principalmente a vantaggio della popolazione del paese, per quanto possano anche contribuire a rispondere alla crisi energetica e alla domanda di energia a livello mondiale. Ma non è questo il motivo principale del nostro impegno in Mozambico. La sicurezza dell'Europa affonda le radici in luoghi che a volte possono essere distanti migliaia di chilometri. La crisi somala ha avuto forti ripercussioni sui paesi vicini e sul traffico navale nel Corno d'Africa e anche la crisi del Sahel, cominciata in un luogo circoscritto, si è poi diffusa all'intera regione. Dobbiamo contribuire a evitare che questo tipo di destabilizzazione su larga scala si verifichi altrove sul continente. Per questo motivo sosteniamo gli sforzi del Mozambico a Cabo Delgado.

Collaborare per difendere il multilateralismo e un sistema internazionale basato su regole

Sono questi i temi di cui ho discusso con il presidente del Mozambico e con i ministri degli Affari esteri e della Difesa. Abbiamo poi rivolto la nostra attenzione ai modi per rafforzare il nostro partenariato sulla scena internazionale nel contesto dell'elezione del Mozambico a membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il prossimo anno. Sia il Mozambico che l'UE sanno che il multilateralismo deve essere rafforzato in un momento in cui la Russia provoca shock in tutto il mondo calpestando i principi fondamentali dell'ordine basato su regole.

HR/VP box
HR/VP Josep Borrell cartoon

"Una finestra sul mondo"- Blog dell'AR/VP Josep Borrell

Blog di Josep Borrell sulle sue attività e la politica estera europea. Contiene anche interviste, op-eds, una selezione di discorsi e video.