Opinioni diverse sulla guerra di aggressione russa e sul rafforzamento del nostro partenariato con il Golfo

04.05.2022

Blog dell'AR/VP - L'invasione dell'Ucraina da parte della Russia ha ampie ramificazioni al di là dell'Europa. Lo scorso fine settimana sono stato in Qatar e in Kuwait, in occasione di visite bilaterali, per intervenire al Forum di Doha e incontrare una serie di interlocutori internazionali. La guerra e le sue conseguenze erano una preoccupazione per tutti. Per affrontarne le ricadute dobbiamo rafforzare la nostra cooperazione con i paesi del Golfo.

Pictoquote Gulf Blog Post

"Per molti paesi l'aggressione della Russia contro l'Ucraina è solo uno dei numerosi conflitti in tutto il mondo che richiedono attenzione". Josep Borrell

 

Sono trascorsi pochi mesi dalla mia ultima visita nel Golfo, ma il mondo non è più lo stesso: il presidente Putin ha portato la guerra in Europa su una scala e un'intensità mai viste dalla fine della Seconda guerra mondiale. L'invasione russa è un momento determinante per il futuro dell'ordine internazionale basato su regole che deciderà se il mondo in cui viviamo sarà governato da regole o basato sulla potenza.

Il conflitto in Ucraina - "uno dei tanti"

Questi interrogativi sono state le principali questioni che ho discusso durante l'intera visita con rappresentanti del mondo arabo, del "sud del mondo" e con altri partecipanti al Forum di Doha. L'intervento virtuale in diretta del presidente Zelensky durante l'apertura ha lasciato il segno nel Forum, ma durante la mia tavola rotonda e i miei incontri con i leader del Qatar, del Kuwait e di altri paesi è emerso un aspetto: sebbene l'aggressione della Russia e l'uso della forza incontrino un'opposizione condivisa in linea di principio, la guerra in Ucraina è, per molti paesi, solo uno dei numerosi conflitti al mondo che richiedono attenzione. A differenza dell'Europa, la guerra fa parte della vita quotidiana di molte persone in tutto il mondo e in particolare in Medio Oriente.

Inoltre, sono state espresse varie preoccupazioni in merito al fatto che la reazione dell'UE e le sanzioni che abbiamo adottato potrebbero essere inefficaci per far cambiare la politica del presidente Putin e che potrebbero danneggiare le economie di altri paesi e condurre verso sistemi finanziari e catene di produzione paralleli.

Poiché sia la Russia che l'Ucraina sono importanti produttori di frumento - rappresentano il 30% delle esportazioni globali - l'attacco della Russia contro l'Ucraina e la sua decisione di arrestare le esportazioni bloccando il Mar Nero possono effettivamente causare insicurezza alimentare che colpisce la vita di milioni di persone e può creare instabilità in Medio Oriente e in Africa. L'UE è ben consapevole di questi rischi e stiamo valutando come aiutare i paesi più colpiti.

Insieme a molte preoccupazioni giustificate, in molti paesi si notano prese di posizioni che accusano l'Europa di usare due pesi e due misure, di essere troppo incentrata sull'autosufficienza e di non tenere conto di conseguenze quali l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. E con la sua nota macchina di menzogne e disinformazione, la Russia sta giocando su questo tipo di preoccupazioni e su discorsi anticoloniali di vecchia data, cercando di accusare l'UE o "l'Occidente".

 

"È la Russia a causare enormi sofferenze umane, insicurezza alimentare, aumento dei prezzi di vari prodotti di base e interruzione delle catene di approvvigionamento."

 

Per contrastare questo fenomeno dobbiamo innanzitutto spiegare cosa sta realmente accadendo sul campo e chi sta causando questi enormi danni all'Ucraina e al mondo intero. È la Russia che ha attaccato l'Ucraina in totale violazione delle regole della politica internazionale e della Carta delle Nazioni Unite. È la Russia a causare enormi sofferenze umane in Ucraina e a far sì che già 3,7 milioni di persone - ma il loro numero aumenta di giorno in giorno - fuggano dalla violenza. Il modello di intervento militare della Russia in Ucraina, compreso l'attacco deliberato alle infrastrutture civili, è tragicamente simile all'approccio adottato nell'ultimo decennio in Siria, dove ha causato sofferenze altrettanto drammatiche. È evidente che è la guerra della Russia contro un paese sovrano che non rappresentava alcuna minaccia a provocare insicurezza alimentare, far aumentare i prezzi di vari prodotti di base e perturbare le catene di approvvigionamento.

Alla luce di tutto ciò, è chiaro che l'attuale crisi non riguarda la questione "est contro ovest" e non è neanche un conflitto di scarsa rilevanza per il "sud del mondo". La guerra contro l'Ucraina non è solo una questione europea o occidentale. Mette in pericolo il mondo intero, perché cerca di sostenere l'approccio per cui "il potere è diritto", come ho detto durante la sessione del Forum di Doha, e le conseguenze dell'aggressione russa non peseranno solo sull'Ucraina o sull'Europa. Peseranno anche sui paesi vulnerabili del Medio Oriente e dell'Africa.

"La guerra contro l'Ucraina non è solo una questione europea o occidentale. Mette a repentaglio il mondo intero."

Ho spiegato ai miei vari interlocutori che, fin dalla sua creazione, l'UE ha sempre sostenuto un mondo in cui il diritto internazionale è rispettato, in cui non c'è spazio per la guerra, in cui i conflitti sono risolti attraverso il dialogo e i negoziati. Abbiamo sempre e ovunque cercato di risolvere i conflitti, in Palestina, in Siria, nello Yemen o in Iraq, contribuendo ad alleviare le sofferenze della popolazione civile con ingenti risorse. Non lo facciamo solo ora, quando la guerra imperversa davanti alle nostre porte. Proseguiremo i nostri sforzi per difendere la Carta delle Nazioni Unite e l'ordine internazionale basato su regole. L'UE si sta adoperando per ottenere la più ampia condanna possibile della Russia e isolare il paese sulla scena internazionale. Vogliamo collaborare strettamente con i paesi del Medio Oriente e del Golfo per convincere la Russia a porre fine a questa guerra senza senso. A tale riguardo, siamo lieti che la maggior parte dei paesi del Golfo e arabi sostengano tali sforzi e abbiano anche votato a favore delle due recenti risoluzioni dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite che condannano l'aggressione della Russia.

Partenariato UE-Golfo

Tuttavia, non solo a causa delle azioni sconsiderate del presidente Putin abbiamo un grande interesse a sviluppare un partenariato strategico più forte con il Golfo. Lo scorso febbraio a Bruxelles l'UE ha già discusso con i ministri del Consiglio di cooperazione del Golfo (CCG) un nuovo livello di ambizione per la nostra cooperazione e, durante la mia missione, è proseguito il dialogo in materia di energia e transizione verde, sicurezza regionale, commercio globale e sicurezza di importanti rotte commerciali.

Una delle sfide principali è ovviamente la sicurezza energetica e la necessaria accelerazione della transizione verde. Nelle nostre riunioni, sia l'emiro Tamim bin Hamad Al Thani che il vice primo ministro/ministro degli Esteri, lo sceicco bin Abdulrahman Al Thani hanno confermato l'interesse del Qatar nei confronti di un partenariato strategico a lungo termine con l'UE nel settore dell'energia. Sebbene la capacità di fornire all'Europa un'ulteriore quantità di GNL sia limitata nel breve termine, sono convinto che il Qatar sia pronto a riservare una maggiore produzione all'UE a partire dal 2025. Questo può essere un elemento importante per la nostra strategia REPowerEU, in termini sia di diversificazione dell'approvvigionamento di gas che di approvvigionamento di altre fonti energetiche, come l'idrogeno verde e le fonti rinnovabili.

 

"Il nostro partenariato con il Golfo si concentra sull'energia e la transizione verde, la sicurezza regionale, il commercio globale e la sicurezza delle rotte commerciali".

 

Analogamente, i colloqui con il principe ereditario del Kuwait, lo sceicco Meshal Al-Jaber Al-Sabah, il primo ministro del Kuwait, lo sceicco Sabah Al-Khalid Al-Sabah e il ministro degli Esteri Ahmed Nasser Al-Sabah hanno affrontato l'importante ruolo svolto dal Kuwait nella stabilizzazione del mercato petrolifero internazionale.

In fondo, l'UE e il Golfo sono partner naturali quando si tratta di promuovere l'allentamento delle tensioni, il dialogo e il rafforzamento della fiducia. Ad esempio, un settore chiave è la sicurezza marittima intorno allo stretto di Hormuz o nel Mar Rosso e gli sforzi volti a migliorare la conoscenza della situazione e i meccanismi di scambio di informazioni per tutti i vicini del Golfo. Nel febbraio 2022 l'UE ha inaugurato una nuova presenza marittima comune europea nell'Oceano Indiano nord-occidentale, che copre le acque dall'India al Corno d'Africa e lo stretto di Hormuz. Per quanto riguarda la sicurezza regionale, ho inoltre aggiornato i miei interlocutori sullo stato dei colloqui in corso sull'accordo sul nucleare con l'Iran e ho proceduto a uno scambio di opinioni sulla situazione in Afghanistan, dove i nostri partner del Qatar hanno svolto e continuano a svolgere un ruolo determinante nell'agevolare i contatti con le autorità di fatto, i talebani, al di là del sostegno fornito per garantire le evacuazioni e aiutare l'UE a ripristinare la propria presenza a Kabul dopo il rilevamento dei talebani. 

Inoltre, ho avuto molti riscontri sulle ambiziose misure adottate per attuare le "visioni" dei leader del Qatar e del Kuwait a favore del cambiamento sociale ed economico dei loro paesi, ambiziose come quelle di altri partner della regione. In effetti, per molti aspetti questi piani coincidono con le idee dell'UE per il futuro del nostro partenariato.

"Non sempre siamo d'accordo su tutto ed esistono delle differenze, ma l'UE e i paesi del Golfo condividono molti obiettivi comuni e interessi reciproci."

Naturalmente, non sempre siamo d'accordo su tutto ed esistono delle differenze, soprattutto per quanto riguarda, ad esempio, i diritti umani. Tuttavia, sono tornato dalla mia missione confermando che l'UE e i paesi del Golfo condividono molti obiettivi comuni e interessi reciproci su questioni globali di fondamentale importanza e che dovremmo approfondire il nostro partenariato per contribuire alla responsabilità e alla stabilità globali. Sulla base delle discussioni del Consiglio ministeriale UE-CCG di febbraio, porteremo avanti e concretizzeremo le nostre ambizioni in una "comunicazione congiunta" sul partenariato con il Golfo, che l'UE intende adottare nelle prossime settimane.